Il Protocollo di Kyoto in Italia

eLibri ed eStudi
Il Protocollo di Kyoto in Italia

Il Protocollo di Kyoto in Italia by Claudia Di Nola
Italian | 2011 | ISBN: n/a | 131 pages | PDF | 2.2 MB


In un mondo dove il profitto ha assunto il ruolo di guida delle politiche economiche, il richiamo a comportamenti etici appare d'obbligo soprattutto quando a pagare le conseguenze degli abusi risulta essere l'ecosistema ormai compromesso. L'economia da sempre mal si concilia con la questione morale. Questo perchè sin dalla sua nascita, ha intrapreso un cammino che postula da comportamenti amorali. Il dilagante liberismo, promosso con qualsiasi mezzo (guerra e distruzione reciproca incluse)ne è la testimonianza più eclatante. I cambiamenti climatici e le sciagure che si abbattono a causa dei mutamenti ambientali nelle varie parti del mondo sotto forma di uragani, tempeste tropicali, etc..hanno avviato un processo di sensibilizzazione dell'opinione pubblica e conseguentemente nei Governi, che ha prodotto la realizzazione di regole comuni finalizzate al maggior rispetto per l'ambiente. Da qui le diverse convenzioni internazionali che hanno progressivamente imposto determinati comportamenti nel tentativo di disciplinare i comportamenti troppo lassivi sia del mondo economico che delle Pubbliche Amministrazioni, che dovrebbero essere in grado di sanzionare i comportamenti dannosi. Tuttavia il cammino è ancora lungo.Lo stesso Protocollo di Kyoto, ha trovato molti ostacoli ai fini dell'applicazione degli strumenti in esso contenuti per limitare le emissioni di CO2 nell'atmosfera. Il presente elaborato fornisce una panoramica delle azioni intraprese dalle Amministrazioni Locali in seguito all'adozione del Protocollo di Kyoto. L'attenzione si sposta poi sul ruolo dell'Ente Locale che in seguito alle riforme decentralizzanti, hanno adesso una nuova funzione di responsabilità e controllo. Molto importante è poi l'analisi degli strumenti introdotti da Kyoto e l'applicazione degli stessi da parte dell'Amministrazione Comunale di Trento, una delle prime città a sensibilizzare la propria popolazione al rispetto delle nuove regole.